L'alégorie du bon gouvernement est fresque faisant partie d'une série peinte par d'Ambrogio Lorenzetti et placées sur les murs de la Sala dei Nove (la salle des Neuf) ou Sala della Pace (salle de la Paix) du Palazzo Pubblico de Sienne

Smaller Default Larger
jeudi, 16 mai 2019 10:57

Declinazioni dello spazio nell'opera di Leopardi. Tra astronomia, geometria, linguistica

Call for Papers

XXIII Congresso Nazionale Associazione degli Italianisti

LETTERATURA E SCIENZE. SEZIONE “OTTOCENTO”

Pisa, 12-14 settembre 2019

Declinazioni dello spazio nell’opera di Leopardi. Tra astronomia, geometria, linguistica

Proponenti: Antonella Del Gatto, Università degli Studi di Chieti-Pescara (Cette adresse e-mail est protégée contre les robots spammeurs. Vous devez activer le JavaScript pour la visualiser. )

Patrizia Landi, Istituto di Alti Studi per Mediatori linguistici “Carlo Bo”, Milano (Cette adresse e-mail est protégée contre les robots spammeurs. Vous devez activer le JavaScript pour la visualiser. )

Abstract: La scienza, dall’adolescenziale Storia dell’Astronomia alle teorie sulla fisica dei liquidi presenti nello Zibaldone e nei Pensieri, occupa un posto rilevante nella formazione e nella scrittura di Leopardi. Partendo da un approccio interdisciplinare e ponendo al centro della questione gli strumenti scientifici posseduti dall’autore, si intende indagare la varietà di declinazioni dello spazio, aspetto fondante della filosofia e della poesia di Leopardi. Lo spazio va inteso come: 1. struttura testuale che insieme al tempo definisce (anche linguisticamente) le coordinate della rappresentazione   2. spazio scenico in cui il testo si esibisce e si colloca, e che a volte può essere anche infinito e siderale (si pensi all’Infinito, al Canto notturno, alla Ginestra e ad alcune Operette morali), o con valenza metaforica, nel quale agiscono personaggi del mondo della scienza (Ruysch, Copernico, il Galileo della Crestomazia della prosa…)   3. spazio dell’immaginazione, luogo mentale alternativo e necessario a quello reale   4. categoria ermeneutica, indagata da Leopardi con tutti gli strumenti scientifici a disposizione utilizzando parametri, concetti, immagini (e quindi metafore e similitudini) di matrice geometrica, fisica e astronomica, nello Zibaldone come nei testi lirici   5. il non-spazio della materia che tutto crea e tutto distrugge.

Entro il 31 maggio 2019 possono essere inviate le proposte di comunicazione ai panel approvati, corredate di due abstract, uno più diffuso (massimo 1.500 battute, spazi compresi) e uno più sintetico (massimo 500 battute, spazi compresi). Nell’abstract dovrà essere indicato chiaramente:

•           il panel cui si intende partecipare;

•           nome e cognome, con l’eventuale istituzione di afferenza;

•           titolo dell’intervento proposto.

Le proposte devono essere inviate all’indirizzo mail dei proponenti del panel e in copia all’indirizzo della segreteria organizzativa del congresso (Cette adresse e-mail est protégée contre les robots spammeurs. Vous devez activer le JavaScript pour la visualiser. ).

 

Lu 125 fois