L'alégorie du bon gouvernement est fresque faisant partie d'une série peinte par d'Ambrogio Lorenzetti et placées sur les murs de la Sala dei Nove (la salle des Neuf) ou Sala della Pace (salle de la Paix) du Palazzo Pubblico de Sienne

Smaller Default Larger
mardi, 13 janvier 2015 00:00

Bassani et Lampedusa

Sophie Nezri-Dufour, Il Giardino del Gattopardo. Giorgio Bassani e Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Milano, Unicopli, 2014.

Opera

In un'analisi comparativa dei due romanzi Il gattopardo e Il giardino dei Finzi-Contini, la studiosa Sophie Nezri-Dufour ha analizzato le innumerevoli similitudini che esistono tra i due romanzi: ambedue, fondati in una dimensione inizialmente storicistica, dipingono un ceto sul punto di scomparire, travolto da una Storia che lo considera ormai inutile. Appaiono nelle due vicende personaggi aristocratici, esteti, intellettuali, creature raffinate ma superate o decadenti, legate a un universo in cui si coltiva l'amore dell'arte, del bello, della cultura e il disimpegno politico, in una dimora principesca e labirintica, e in un giardino insieme splendido e mortifero, in cui il tempo sembra essersi fermato. L'onnipresenza della morte che si nasconde dietro rituali fissi, banchetti, feste, annuncia in entrambi i casi la scomparsa di comunità una volta prestigiose ma ormai quasi fantasmatiche, spossessate del loro ruolo storico e sociale.

Autore

Sophie Nezri-Dufour insegna la letteratura italiana contemporanea a Aix-Marseille Université (AMU). È specialista di letteratura italo-ebraica e del discorso della Shoah in Italia. I suoi lavori si concentrano sulle figure di Primo Levi e di Giorgio Bassani sui quali ha scritto Primo Levi: una memoria ebraica del Novecento, presso La Giuntina nel 2002 e, nel 2011, Il giardino dei Finzi-Contini: una fiaba nascosta, per Fernandel.

Prezzo: € 10

Pagine: 86

Collana: Testi e studi - 276

Pubblicazione: Maggio 2014

Lu 1475 fois Dernière modification le vendredi, 24 avril 2015 10:25